Savona: luoghi, organizzazioni e fulcri dell'underground

La prima puntata del viaggio nella vita musicale ponentina

Savona: luoghi, organizzazioni e fulcri dell
© www.genovatune.net

a cura di Elena Petenzi
GENOVA, 29 Giugno 2009
Invia a: del.icio.us
Articolo letto 6435 volte

Inizio la prima puntata del viaggio nell'underground ponentino sfatando un mito ormai consolidato: quello, tutto ligure, di tenere "segreti" i contatti dei luoghi in cui "fanno suonare", nella personale convinzione che la crescita sia nella condivisione.
L'underground savonese non gode certo di salute ferrea, ma presenta alcune eccellenze qualitative, che compensano in modo ottimo la quantità, non propriamente abbondante.

Per quanto riguarda i circoli privati ARCI, i più attivi e noti sono tre, dopo anni di scarsa attività dell'Artisi del capoluogo: Calvino, Brixton e Raindogs.
Il RAINDOGS, il cui nome è stato mutuato dall'omonimo disco di Tom Waits del 1985, è un ARCI Savonese in zona porto, ottimamente gestito da Zibba e dal socio Marco: propone soprattutto Blues e Folk, ma senza mancare di sorprendere con eventi a base di generi musicali ben differenti. Il circolo, sito in Via Chiodo 20r, è attivo dal Martedì alla Domenica, dalle 20.00 in poi, con spettacoli, esibizioni o proiezioni.
Attorno al locale e al suo gestore sono nate diverse manifestazioni in differenti location, come la prosecuzione estiva al Soleluna Beach dell'attività live invernale, maratone musicali come il Downtown Festival varazzino, la collaborazione con BBCC e tanti altri minifestival, che hanno arricchito non di poco la possibilità di ascoltare grandissimi nomi di fama internazionale e mondiale in Liguria.
Per informazioni e contatti:
http://www.myspace.com/raindogshouse
348-4040892

Il BRIXTON di Alassio, con sede in Via Ugo Foscolo 8, è un circolo ARCI autogestito che ha ospitato numerosi concerti, opere teatrali, raccolte di scritti e poesie, mostre fotografiche, incontri su temi storici e problematiche attuali. Al suo interno è aperto un piccolo bar, sola fonte di sopravvivenza economica del Brixton che, come per tutte le altre iniziative, usufruisce unicamente del lavoro volontario e gratuito dei soci, senza lucrare minimamente sui prezzi di vendita delle tessere, rilasciate a prezzi davvero onesti. Solo in questa stagione invernale il circolo ha proposto 64 concerti, con ben 79 gruppi musicali, in una città per definizione discotecara e modaiola, poco avvezza ai graffianti suoni del rock dal vivo.
Per informazioni e contatti:
http://www.arcibrixton.it
http://www.myspace.com/brixtonalassio

L'ITALO CALVINO di Loano, nell'ex Kursaal, merita di essere frequentato per più di un buon motivo: non tutte le band hanno occasione di ottenere, come compenso di una serata, una buona registrazione con audio e annesso video ripreso da più videocamere, già montato. Questo, invece, al Calvino è possibile: dopo aver suonato con un ottimale bilanciamento dei volumi, grazie al ben noto fonico Mazzittelli (e già non è poco), avrete la possibilità di riceverne anche la registrazione a fine serata.
Gente ottima (pochi ma buoni!), prezzi bar da "ARCI di un tempo", anziché da locale commerciale, come anche nel locale succitato.
Come se non bastasse, è attorno al Calvino che si sviluppò la Mazzi Pulp/Punk, un progetto di casa discografica / mini agenzia di booking che ha contribuito ad aggregare diversi gruppi locali e a dare vita ad festival come il CastelRock settembrino, sito nello splendido CastelFranco di Finale Ligure.
Ma, soprattutto, è attorno al Calvino che è nato il nucleo embrionale di Balla coi Cinghiali.
Per informazioni e contatti:
http://www.myspace.com/italocalvinoloano

BALLA COI CINGHIALI
Come spiegare questo festival, ormai noto a livello sovraregionale?
E' un piccolo miracolo come un piccolissimo festival fra amici nato del 2002 sia arrivato, nel 2008, a contare più di 14000 presenze.
BBCC è nato da un sogno Hippie nostalgico di accettazione e condivisione, da un'idea fatta di fango e musica, di cinghiale alla brace e di collaborazione, di persone sudate sopra e sotto un palco e di solidarietà. BBCC è una vacanza di tre giorni lontano dagli stereotipi, dal giudizio, dal dover apparire, per immergersi in uno splendido verde entroterra, che sembra essere esistito da sempre per accoglierti e permetterti di staccare dall'ovvio e dal limitato.
BBCC è cibo a volontà, musica emergente live, palchetto djset, zona e danze afro, area reggae, è l'aperitivo musicale Raindogs. BBCC sono gli stand con merchandise originale, bancarelle con splendide produzioni originali artigianali e tavolini per organizzazioni no profit, è cacce al tesoro, concorsi letterari, fotografici (Il migliore dei mondi impossibili) e mostre. BBCC sono le aree lettura e "svacco", le attività ricreative di vario tipo, impegno per lo slow food e il riciclaggio (è una ecosagra!!) e, ovviamente, alcool e mussa.
... non lo sapevate? Sapevatelo! I link non vi mancano:
http://www.ballacoicinghiali.it
http://www.myspace.com/ballacoicinghiali
Non mancano, inoltre, le iniziative BBCC extraferragostine, come quelle gestite dal Collettivo Ines.

Per quanto riguarda altri locali, ottimo è il BEER ROOM di Pontinvrea, in Via Giovo 25: bello l'ambiente, con la celebre "stanza della birra", gentilissimi i gestori. La proposta musicale è decisamente diversificata, dalla cover band al gruppo originale anche noto.
Per informazioni e contatti: 019-705069.

Da non dimenticare è l'OSTERIA DEL VINO CATTIVO, presso Cairo Montenotte: dall'inverno scorso il locale ha iniziato una programmazione live costante (Venerdì, Sabato, Domenica), con un bel palco e musica varia, interrotta unicamente per l'estate, fino a Settembre.

Più improntato sul target delle tribute band è l'ampio e moderno TAKABANDA varazzino. (http://www.tkb.it)
Standard simili erano alla base della gestione Ju Bamboo, ormai chiuso al pubblico: il locale, tuttavia, aveva il merito di sostenere la "scena" locale con concorsi per emergenti, come Sband, benché avesse come disincentivo l'ingresso piuttosto esoso e una programmazione non particolarmente interessante, agli occhi di un pubblico affamato di inediti.
Criteri simili, in salsa più modaiola e discotecara, sono quelli che hanno decretato l'importante successo del MATISSE AL COVO di Finale Ligure, discopub gestito da alcuni componenti del ben noto ex gruppo di musica irlandese Irishield e così chiamato dopo il trasferimento dalla sede di Finalpia a Capo San Donato.

Sono ricordabili, fra i tanti locali ponentini, ancora il CALDERONE DEL DAGDA a Loano e il CAMARGUE a Finale Ligure (ex sede del Matisse, del Gasoline e di quant'altro).

Un'ultima piacevole novità, fresca di quest'inverno, sono state infine le feste, con dancehall reggae, organizzate da LA COSCA SOUND SYSTEM.

Leggi i commenti (1) | Inserisci un commento

Leggi commenti (1)
Inserisci un commento