IF: The Stairway

autoproduzione (2006)

IF

a cura di Massimo Ponte
GENOVA, 17 Aprile 2007
Invia a: del.icio.us
Articolo letto 1696 volte

L’ambiente è sempre quello progressive, fra echi dei Floyd e dei Moody Blues che affiorano qua e là ed un poderoso slancio in territori primi anni '80: a dimostrazione che il gruppo, come già occasionalmente in passato nei precedenti lavori, mescola differenti aspetti del genere pur rimanendone sempre irrimediabilmente fedele.

I testi sono pervasi di malinconia e pessimismo: sembra che giunti al terzo album, gli If - più precisamente Dario Lastella, autore di tutti i brani tranne Like a bird - tengano una sorta di bilancio di ciò che è stato ed è il rimpianto a farla da padrone.

Si parte con la ninna nanna di Close your eyes, che sfuma nella parentesi strumentale Uneasy Sleep part 1, seguita dalla title track, epica e progressiva, primo brano importante dell’album. Uneasy sleep part 2 assembla rumori su un tappeto di tastiere, tenendo fede al titolo.Where have you been? è caratterizzata da una ritmica secca e chitarre acide e si risolve in un inciso etereo molto di maniera ove si coagulano spunti di Marillion e dei Genesis di Collins. Stesso discorso per Like a bird, secondo interessante brano del disco, che gioca la sua carta migliore nel rincorrersi delle voci (peraltro l’unico elemento dell’insieme da migliorare); in qualche sfumatura ricorda i Queen dei primi lavori. Segue Missing dove il parlato, un delicato wah-wah, tastierine di gomma e il ritornello a presa immediata rendono il tutto decisamente accattivante, terzo e ultimo brano degno di nota di questo cd. A seguire la terza parte del brutto sogno, Uneasy sleep part 3, piacevole intermezzo strumentale; quindi il malinconico It’s just me, che si gonfia nel finale, ed il mediocre pop anni '80 di matrice Usa Find your way, a chiusura del lavoro.

Gli If proseguono dunque la loro strada senza curarsi di ciò che succede fuori dal (loro) mondo e questo limita la fruizione di tale lavoro ad amanti di sonorità passate. La qualità è discontinua, in alcuni brani c’è molto di già sentito altrove ( su tutti It’s just time e Find your way), ma la musica si è arricchita, il suono è stato elaborato e si nota una consapevolezza dei propri mezzi che, se si osasse di più a livello compositivo, potrebbe dare risultati ancora migliori; la band ha, insomma, perduto in freschezza e originalità ma acquistato in compattezza.

Gli If sono:

Franco Bussoli - basso
Paolo De Santis - voce
Claudio La penna - piano, organo, tastiere
Dario Lastella - chitarre, synth e sequencing.

Nessun commento inserito | Inserisci un commento

rock progressive


1. Close your eyes
2. Uneasy sleep (Part 1)
3. The Stairway
4. Uneasy sleep (Part 2)
5. Where have you been?
6. Like a bird
7. Missing
8. Uneasy sleep (Part 3)
9. It's just me
10. Find your way


Sito ufficiale


Festival Delle Periferie 2006: prima serata @ Villa Rossi, Sestri Ponente, 01/06/06
Stiflers + Drunken Butterfly + Spirito Libero @ La Panteka, 04/03/06
Festival delle Periferie 2005: prima serata @ Villa Rossi, 02/06/05
Festival delle Periferie 2005: seconda serata @ Villa Rossi, 03/06/05
Festival delle Periferie 2005: quarta serata @ Villa Rossi, 05/06/05
Festival delle Periferie 2007 @ Villa Rossi, Sestri Ponente, 17/06/07
Festival delle Periferie 2008 @ Villa Rossi (Sestri Ponente, GE), 01/06/08
JuniFest @ Ronco Scrivia, 28/06/09
Festival delle Periferie @ Villa Rossi, 16/07/09
IF - In the Cave
(autoproduzione, 2005)
Morpho Nestira
(autoproduzione, 2009)

Nessun commento inserito

Inserisci un commento